BENVENUTI SU STATI UNITI D'ITALIA

Questa è la nostra visione del futuro. Tu che visione hai per il futuro del nostro Paese?

INSIEME CONTRO L’AIDS E L’EPATITE”: IL LAB MOBILE PARTE DA FIRENZE

Da Firenze l’appello dei MMG a bordo dell’ambulatorio mobile per effettuare test in piazza per sensibilizzare la popolazione sulla diagnosi da Epatite C e HIV. Forte l’impegno di medici, sanitari e volontari, verso i soggetti più fragili per informare anche sul coronavirus.


Novembre 9, 2020 Off Di REDAZIONE
Spread the love
Riparte da Firenze il “Lab Mobile” promosso dai medici di famiglia, con la collaborazione della Caritas e del Cuamm per portare gli screening per HIV e HCV in piazza. “Insieme contro l’AIDS e l’Epatite”

“Sono tre i virus che oggi ci preoccupano particolarmente: il Sars-Cov-2, di cui sappiamo ancora poco, e altri due virus che invece conosciamo molto bene, HIV e HCV. Proprio il Covid-19 – sottolinea il Prof. Claudio Cricelli, Presidente SIMG – è diventato una straordinaria opportunità di ripensare questa campagna e di rilanciarla, perché mai come oggi è evidente come dobbiamo rilevare i contatti dove il virus si nasconde e tracciare la catena del contagio”.

“INSIEME CONTRO L’AIDS E L’EPATITE”: IL LAB MOBILE PARTE DA FIRENZE – Presentato a Firenze, dalla sede nazionale della SIMG, la Società di Medicina Generale e delle Cure Primarie, il Lab Mobile per gli screening di HIV ed Epatite C per il lancio della campagna “Insieme contro l’AIDS e l’Epatite”. Partito da Piazza San Pietro dopo la benedizione di Mons. Rino Fisichella, il laboratorio mobile ha già fatto tappa a Sanremo e ora si appresta a iniziare un nuovo tour che nei prossimi mesi lo vedrà toccare le principali piazze italiane, da Roma in occasione della Giornata dedicata da Papa Francesco ai poveri, sino a Firenze a fine mese per il congresso dei medici di famiglia e poi a Bologna il 14 Dicembre, per il congresso degli infettivologi SIMIT. L’iniziativa, realizzata con il contributo non condizionato di Gilead Sciences, in collaborazione con la Caritas e i volontari del Cuamm, e con la richiesta di patrocinio del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, è promossa dalle società scientifiche SIMG – Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie insieme al Prof. Massimo Andreoni, Direttore dell’Unità Operativa Complessa Malattie Infettive Tor Vergata, con il patrocinio anche della SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali e dell’AISF – Ass. Italiana per lo Studio del Fegato e di Fondazione The Bridge.
È un viaggio simbolico tra virtuale e reale, per fornire risposte concrete alla popolazione e informare correttamente sulla minaccia dei virus della nostra epoca. Lo scopo del Lab è quello di sensibilizzare la popolazione sui corretti atteggiamenti di prevenzione per le malattie infettive, di informare su quelli che sono i rischi concreti e di effettuare screening per verificare la presenza di questi virus. A bordo, personale specializzato per effettuare gli esami clinici per scoprire il “sommerso” per Epatite C e HIV. Laddove si individueranno soggetti affetti da queste infezioni, seguirà il linkage-to-care, la presa in carico del paziente che verrà sottoposto ai trattamenti specifici.

TOSCANA IN PRIMALINEA – In occasione della presentazione a Firenze, presenti il Prof. Claudio Cricelli, Presidente SIMG; il Prof. Massimo Andreoni Direttore Scientifico SIMIT e Direttore dell’Unità Operativa Complessa Malattie Infettive Tor Vergata, collegato in streaming; il Prof. Massimo Di Pietro, Segretario SIMIT Toscana; Mauro Ruggeri, Responsabile SIMG Toscana; il Prof. Alessandro Bartoloni, Direttore UOC Malattie Infettive, Azienda Ospedaliera Careggi, Firenze; Don Fabio Marella, Vice Direttore della Caritas di Firenze; Loreta Kondili, Medico Ricercatore presso il Centro Nazionale per la Salute Globale dell’ISS.
“Abbiamo deciso alcuni mesi fa di organizzare una campagna per sensibilizzare i cittadini del nostro Paese nei confronti di una serie di malattie infettive di cui si sa poco – spiega il Prof. Cricelli, Presidente SIMG -, vogliamo informare sui rischi che si corrono con determinate infezioni, coinvolgendo soprattutto le fasce più deboli della popolazione. Il Sars-Cov-2, di cui sappiamo ancora poco, e altri due virus che invece conosciamo molto bene, HIV e HCV e per i quali abbiamo soluzioni senza precedenti. In tutti questi virus il problema è quello di trovare il “sommerso”, coloro che hanno contratto l’infezione ma non ne sono consapevoli. Proprio il Covid-19 è diventato una straordinaria opportunità di ripensare questa campagna e di rilanciarla, perché mai come oggi è evidente come dobbiamo rilevare i contatti dove il virus si nasconde e tracciare la catena del contagio; il Covid, a sua volta, può trarre beneficio dalle precedenti esperienze”.