BENVENUTI SU STATI UNITI D'ITALIA

Questa è la nostra visione del futuro. Tu che visione hai per il futuro del nostro Paese?

LE MIE IDEE PER UN’ITALIA MIGLIORE

Ripropongo con piacere un’intervista del gennaio scorso ad una testata giornalistica riguardante il Disegno di Legge Costituzionale da me promosso.

Il fulcro della riforma è l’elezione diretta del Presidente della Repubblica e di conseguenza del Presidente del Consiglio. Diventerebbero un’unica figura che rappresenta il Governo e lo Stato, eletta direttamente dai cittadini come negli Stati Uniti d’America.

Non è, infatti, possibile vivere in un Paese, dove un professore di Diritto che insegna a Firenze, senza mai essere passato dalle urne, gestisce e governa una nazione. Punti cardine del mio progetto sono, quindi, l’elezione del Presidente ed il federalismo, dunque l’autonomia totale di ogni singola regione anche dal punto di vista finanziario. Oltre all’introduzione dell’innovativo concetto d’imprenditività, cioè legare il merito e la competenza in tutti i settori, sia privati che pubblici. Oggi, a mio avviso, il nostro Paese ha due possibilità: o il cambiamento, o è la fine. Capisco che il testo completo non possa passare, perchè una riforma come questa dovrebbe avere l’approvazione di tutti per essere condivisa. Però, o si cambia, entrando in quei concetti, oppure il Paese come strutturato attualmente è destinato a morire con un lento, ma purtroppo inesorabile declino. Il federalismo è assolutamente proficuo, considerando che diversi Paesi sviluppati economicamente sono confederali. Federalismo significa valorizzare le differenze, vuol dire responsabilizzare i territori e di conseguenza siccome noi viviamo in una nazione bellissima con delle diversità importanti, il federalismo aiuta compiutamente a valorizzare le svariate diversità. A chi pensa, poi, che il presidenzialismo porti ad una ipotetica derivazione in autoritarismo, rispondo che si sono verificati molti colpi di stato in Paesi che non avevano il presidenzialismo. E’ indubbio, infine, che sarebbe una grossa novità e sorpresa per gli italiani un sistema di elezioni dirette come quello americano. De facto, il popolo eleggerebbe tutte le figure a capo delle amministrazioni, dalle locali a quella federale. Sarebbe, quindi, a mio avviso, una cosa stupenda per tutti noi, poter eleggere direttamente qualsiasi organismo.

Manuel Vescovi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *