BENVENUTI SU STATI UNITI D'ITALIA

Questa è la nostra visione del futuro. Tu che visione hai per il futuro del nostro Paese?

Bonus vacanze: flop o vero aiuto per il turismo?

Stiamo vivendo un’estate molto particolare, visto che il Covd-19, se dal punto di vista sanitario pare fare meno paura, anche se non bisogna minimamente abbassare la guardia, viceversa, per quanto concerne i risvolti economici della pandemia, questi si fanno sentire in modo drammatico. Ecco, dunque, che le difficoltà economiche di molti connazionali e l’impossibilità dei turisti stranieri di venire in Italia, sta creando grossi problemi al vitale settore del turismo, comparto molto importante anche in Toscana.

Chi gestisce strutture ricettive, lamenta dunque cali rilevanti di presenze sia a giugno che a luglio e solo una timida ripresa per agosto, specialmente nella classica settimana centrale del mese. Il bonus vacanza che doveva servire per incentivare gli italiani a recarsi in vacanza, non ci pare abbia avuto l’effetto sperato dai promotori. Proprio le farraginose modalità d’utilizzo, hanno scoraggiato molti potenziali utenti e diverse strutture alberghiere non si sono, poi, rese disponibili ad accettarlo. Se questo voucher, riservato potenzialmente ad un’ampia fetta della popolazione, fosse, invece, stato strutturato in modo più lineare, forse qualche risultato l’avrebbe ottenuto. Tra l’altro, alcune strutture ricettive, magari a carattere familiare come bed and breakfast o affittacamere, non sono stati destinatari di questa opzione e giustamente non sono mancate le lamentele dei diretti interessati. Per quanto riguarda la Toscana, poi, c’è da segnalare, a prescindere dal bonus, una tardiva campagna di promozione delle località turistiche locali; mentre altre amministrazioni si sono mosse, giustamente, con largo anticipo rispetto ai solitamente mesi preferiti per le vacanze, la Giunta toscana solo a luglio inoltrato ha attivato alcune iniziative a sostegno dell’offerta turistica. Insomma, sia a livello nazionale che locale,si poteva e doveva fare molto di più per sostenere un settore che, al pari di altri, appare, ahimè, in una rovinosa caduta libera…

Manuel Vescovi