BENVENUTI SU STATI UNITI D'ITALIA

Questa è la nostra visione del futuro. Tu che visione hai per il futuro del nostro Paese?

L’IMPRONTA RIFORMATRICE DEL DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE STATI UNITI D’ITALIA: NECESSARIA LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE IN AMBITO GIUDIZIARIO

Nel testo del Disegno di Legge Costituzionale da me depositato in Senato, un notevole e fondamentale indirizzo verso il cambiamento è riservato anche al potere giudiziario. In relazione a ciò, si prefigura, per la prima volta, una vera e propria netta separazione delle carriere tra magistrati requirenti e giudicanti. Andrebbero, infatti, inquadrati in due distinti organi di autogoverno: il Consiglio Superiore della magistratura giudicante ed il Consiglio Superiore della magistratura requirente.

Sempre in tema di giustizia, la mia proposta prevede che il Pubblico Ministero abbia la facoltà e non l’obbligo di esercitare l’azione penale, sopprimendo quindi un principio che non ha avuto concreta attuazione. Condivido apertamente, quindi, la manifestazione organizzata lo scorso 24 giugno a Roma, promossa dalle Camere Penali che propugna come urgente e necessaria la separazione delle carriere ed una radicale riforma della magistratura. Un evento molto partecipato che ha riscosso un giusto successo. I penalisti italiani si sono ritrovati in piazza per denunciare all’opinione pubblica non solo il mancato rispetto di far emergere la volontà dei cittadini trasfusa nella Legge d’iniziativa popolare sulla citata separazione delle carriere dei magistrati, ad oltre tre anni dal suo deposito, ma pure la totale inefficacia, per una vera riforma dell’ordinamento giudiziario e della magistratura, delle proposte contenute nel DDL Bonafede e nell’elaborato della Commissione Luciani, costituita a tal fine dalla Ministra della Giustizia. Un’iniziativa, dunque, assolutamente condivisibile che ha voluto, giustamente, porre l’attenzione, anche mediatica, su un argomento molto delicato e da tempo dibattuto. Come detto, uno dei miei intendimenti è proprio quello di rendere effettivo quanto richiesto dalle Camere Penali italiane. Non è più possibile, infatti, differire la rilevante questione e quindi condividiamo pienamente il mirato intervento sulla delicata materia del Segretario Federale della Lega, Matteo Salvini. Da parte nostra, pure tramite il costituendo Comitato Stati Uniti d’Italia, ci muoveremo con grande impegno verso tale indirizzo che riteniamo essere non più, come detto, procrastinabile per rispetto, in primis, dei cittadini italiani.

Manuel Vescovi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *