BENVENUTI SU STATI UNITI D'ITALIA

Questa è la nostra visione del futuro. Tu che visione hai per il futuro del nostro Paese?

Montenegro e Economia

Montenegro a seguito della ritrovata indipendenza ha cercato e ottenuto l’obbiettivo di attrarre investitori stranieri attraverso una ottima competitività politica e fiscale. Infatti grazie a tale visione il paese è divenuto una delle economie europee con il maggior afflusso netto di investimenti diretti esteri pro-capite. A livello di politica fiscale in Montenegro abbiamo una tassazione sul reddito delle società del 9% di molto inferiore ai stati membri dell’UE come Polonia, Croazia Danimarca Germania e Italia. Anche l’imposta sul valore aggiunto in Montenegro oggi ammonta al 21% ed anche questa risulta vantaggiosa rispetto ad altre realtà dell’UE.

Il Montenegro per implementare la sua vocazione allo scambio internazionale ha stabilito accordi di libero scambio Cefta e Efta, accordi di stabilizzazione con l’UE, intese commerciali privilegiate con Russia, Ucraina e Turchia.

I maggiori partner commerciali sono Austria, Germania, Russia, Italia, Ungheria, Serbia, Inghilterra, Slovenia, Svizzera, Arabia Saudita, Azerbaijan e Cipro.

Il Montenegro  ha iniziato sin dal 2005 un processo di privatizzazione delle aziende pubbliche aumentando così gli investimenti diretti esteri che nel 2017 hanno rappresentato circa 11,4% del PIL.

Secondo il rapporto Seea (organizzazione internazionale per la promozione di ricerche di natura economica nell’area Balcanica) il Montenegro fra gli anni 2006 e 2008 ha registrato un tasso di crescita del 8,7% successivamente è diminuito soprattutto anche per le varie crisi economiche internazionali che si sono succedute, ma negli ultimi anni si è attestato intorno al 3-4% .

Anche il tasso di inflazione è aumentato passando dal 0,9% del 2016 al 2,7% del 2017.

La costruzione dell’autostrada Bar-Boljare ha consentito un acceso ulteriore di investimenti e impieghi stranieri che hanno aumentato l’attrattiva verso  questo paese.

La stabilità politica è stato un fattore determinante per far decidere alla Comunità Internazionale ad investire nel Montenegro, infatti lo stesso può vantare una linea di continuità e omogeneità nella gestione della res pubblica.

A conferma di tutto ciò, rimarchiamo che,  il Montenegro, secondo il rapporto Doing Businnes 2018 della Banca Mondiale  si colloca al 42esimo posto per le condizioni agevoli per fare businnes su una classifica di 190 nazioni.