BENVENUTI SU STATI UNITI D'ITALIA

Questa è la nostra visione del futuro. Tu che visione hai per il futuro del nostro Paese?

Tiziana Fornaro, l’unica scienziata italiana nel team di Mars2020

L’orgoglio italiano è donna. Sì, perché la nuova missione su Marte “Mars 2020” si tinge di rosa per il nostro Paese grazie a Teresa Fornaro, la prima scienziata ricercatrice italiana scelta dalla Nasa per guidare uno dei tre gruppi di ricerca che analizzerà i dati raccolti da Perseverance, la sonda atterrata sul Pianeta Rosso lo scorso 18 febbraio.

Fiorentina, originaria di Brusciano (provincia di Napoli), dottore di ricerca alla Normale di Pisa. Trentadue anni e madre di due gemelli. Teresa fa parte del team di tredici scienziati che fanno parte della missione. E’ stata selezionata dopo aver partecipato ad un bando della Nasa, proponendo la ricerca di molecole che potrebbero indicare una presenza di vita su Marte.

Impegnata h24 in collegamento con il suo team scientifico, chiamato a selezionare i campioni più interessanti sulla superficie. Ma impegnata anche in diverse trasmissioni radiofoniche e televisive che ormai da giorni stanno raccontando la storia di un’eccellenza tutta italiana. Perché Teresa non è soltanto un esempio di merito e competenze che le sono state riconosciute a livello internazionale e mondiale. Teresa è la rappresentazione di quel riscatto morale che le donne inseguono e aspettano tutte le volte che si trovano a dover combattere una battaglia, giusta, per avere un minimo di riconoscimento in questo mondo che spesso si dimentica di loro. “Se le donne di impegnano e lavorano arduamente – ha dichiarato la scienziata italiana alla stampa – possono raggiungere qualsiasi obiettivo in qualsiasi Paese del mondo”.

Ed effettivamente le donne che hanno portato alto il nome dell’Italia nel mondo non sono certo poche. Giusto qualche mese fa un’altra scienziata è stata molto apprezzata per il suo impegno nel lavoro tanto da essere stata scelta dalla rivista “D” di Repubblica come donna dell’anno 2020. Lei è Anna Grassellinno, siciliana e una delle scienziate più affermate a livello internazionale. Anche l’ex presidente Barack Obama si è accorto di lei. Perché nel 2017 l’ha insignita del “Presidential Early Career Award for Scientists and Engineers”, premo assegnato ai giovani professionisti impegnati nella ricerca scientifica.

Irma Annaloro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *