BENVENUTI SU STATI UNITI D'ITALIA

Questa è la nostra visione del futuro. Tu che visione hai per il futuro del nostro Paese?

IMMIGRAZIONE: FENOMENO TUTTORA FUORI CONTROLLO. IL GRAVE CASO DI FOLLONICA

Non lo diciamo noi che potremmo essere di parte, ma i dati del Ministero dell’Interno, i quali rilevano come gli sbarchi siano aumentati esponenzialmente rispetto a quando alla guida del Viminale c’era Matteo Salvini. Questa perdurante immigrazione incontrollata, comporta, inevitabilmente, svariati problemi. Innanzitutto, i luoghi dove gli immigrati hanno una prima accoglienza sono sempre riempiti oltre il limite, con tutte le inevitabili conseguenze del caso che, se possibile, diventano più rilevanti d’estate. Poi, vi è un’Europa che, tuttora, non pare poi così reattiva nel prendere, in modo continuativo, la propria quota di stranieri sbarcati precedentemente sulle nostre coste. Tutto ciò, favorisce il crearsi di episodi drammatici come quello accaduto nei giorni scorsi a Follonica, sulla costa grossetana. In sintesi, un immigrato, senza pare alcuna motivazione che, peraltro, sarebbe stata ugualmente da condannare con forza, ha preso a martellate in un condominio un’anziana signora che con i nipotini era in vacanza nella località toscana. Un fatto di una notevole gravità e la situazione instabile a livello psichico dell’uomo, a nostro avviso, non deve essere posta come alibi per il gesto criminale. Ferito anche uno dei nipoti, fortunatamente non in modo grave. Giusta e naturale, pertanto,adeguata la forte preoccupazione dei vacanzieri e residenti che, improvvisamente, si sono ritrovati a fare i conti con un episodio di cronaca nera in un contesto locale, solitamente abbastanza tranquillo. L’aggressore pare avesse un normale permesso di soggiorno e fosse seguito dall’Asl per problemi di salute, ma a prescindere da potenziali responsabilità, c’è alla base un fenomeno immigratorio che non ha alcun filtro e che agevola, dunque, il concretizzarsi di situazioni deleterie di questo tipo o similari, quanto comunque gravissime. Lo ripetiamo, anche in questo articolo: è doveroso che l’Italia punti ad avere una politica estera adeguata ad ogni circostanza. Essere adeguatamente considerati dai partner europei, significa poter avere maggiore voce in capitolo pure su argomenti importanti come quello dell’immigrazione, obiettivamente non controllata e fortemente mitigata come ai tempi in cui gli Interni erano gestiti dal Segretario Federale della Lega. E’ doveroso, oltre che fondamentale, non abbassare minimamente la guardia su una tematica che stenta, a nostro avviso, ad avere la giusta considerazione da parte di chi di dovere. L’immigrato regolare che lavora e si integra è il benvenuto, ma la stessa cosa non possiamo dire di chi vive clandestinamente nel nostro Paese, mettendo magari anche a richio l’incolumità dei nostri connazionali.

Manuel Vescovi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *