BENVENUTI SU STATI UNITI D'ITALIA

Un'Italia Presidenziale, Federale, Meritocratica: sono 3 degli 8 punti con cui vogliamo ridare grandezza al nostro Paese…Unisciti a noi!

Living, di Oliver Hermanus

Living” del regista sudafricano Oliver Hermanus, sceneggiato dal Premio Nobel Kazuo Ishiguro, è un remake del film del 1952 di Akira Kurosawa “Vivere”, a sua volta ispirato alla novella di Lev Tolstoj “La morte di Ivan Il’ič”.

Film bellissimo che certamente vincerà Premi cinematografici internazionali al pari dei Golden Globe e degli Oscar, “Living” è una lunga carrellata di immagini, fotografie (Jamie Ramsay), ambientazioni, atmosfere. Gli arredamenti vittoriani degli scompartimenti del treno e dei salotti dove i personaggi narrano le proprie storie sono essi stessi emozioni, emozioni che mutano in scene. Le musiche (Emilie Levienaise-Farrouch) ritmano i dialoghi e le sequenze. La recitazione ha la veridicità e l’incisività del teatro.
Al centro del racconto si posiziona Williams (un formidabile Bill Nighy) che incarna il dilemma in cui si possono imbattere gli uomini: come si cambia quando prendi contezza che hai pochi mesi di vita? Puoi peggiorare, abbandonarti all’offuscamento di te stesso, oppure puoi passare da essere un funzionario “accatastatore di pratiche inevase” per disinteresse ed indolenza, a divenire responsabile del proprio lavoro e realizzare, così, una piccola opera, un parco giochi, al posto di una putrida discarica.
La morte si apre ad altri significati, conduce ad altre albe, e può far morire con il sorriso sulle labbra mentre ci si dondola su una altalena al freddo, un freddo, però, che non si avverte, perché dinanzi agli occhi si vede realizzata, per la prima volta nella propria vita, una iniziativa per il bene della comunità.

Fabrizio Giulimondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *